Orti urbani


Mi sono spesso domandato, dall’epoca in cui, abitando in Germania, vedevo le periferie disseminate di casottini ed improbabili filari di lattughe, sul senso degli orti urbani.
Un fenomeno, questo, assai complesso da comprendere perché, in barba a tutte le semplificazioni, sottende questioni varie di sociologia e psicologia non proprio spicciole, perfino potenzialmente esplosive.
Un orto urbano è, in fondo, una presa di coscienza e, pertanto, di posizione rispetto ad un intero contesto culturale – che io, amabilmente, chiamo postconsumismo.
La constatazione, ora, che c’è perfino chi ne faccia un business – per quanto equo, solidale e cooperativo – mi dà ancor più da pensare.
Siamo un mondo in trasformazione. Dove stiamo andando?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...