Alla vigilia della fine del mondo

E se il mondo non “finisse” ma “cambiasse”? In fondo, la nostra percezione apocalittica è necessariamente connessa con la visione occidentale di un avvenimento definitivo, come lo vedeva goliardicamente il Belli nell’indimenticabile sonetto romanesco. E se, invece, si trattasse di una trasformazione inesorabilmente lenta, eppure pervasiva, del nostro mondo, del nostro essere?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...